Di seguito riportiamo alcune delle situazioni di disagio che i genitori rilevano nei figli e che possono indurre a chiedere una consulenza psicologica, per avere un confronto con un esperto delle tappe evolutive del bambino:

    • Le paure che, se protratte, assumono rilievo significativo e finiscono per limitare l’autonomia, la socializzazione o altri aspetti della vita del bambino. Per esempio: paura di andare a scuola, paura del buio, paura immotivata di perdere una persona vicina, paura di una specie animale
    • Gli stati di ansia che si esprimono attraverso timori eccessivi del giudizio dell’adulto e dei rimproveri, preoccupazione di non essere all’altezza, angosce di separazione
    • Le situazioni di blocco emotivo come difficoltà a esprimere le proprie risorse cognitive e affettive, inibizioni di varia natura
    • Difficoltà nell’alimentazione: rifiuto del cibo, desiderio smodato di mangiare, obesità infantile, difficoltà a deglutire
    • Difficoltà che nella defecazione o nella minzione (encopresi, enuresi)
    • Difficoltà nel sonno che possono variare da incubi notturni, angoscia nel rimanere soli nella propria cameretta, difficoltà ad addormentarsi
    • Manifestazioni di aggressività verso i coetanei, verso bambini di età diversa, verso uno o entrambi i genitori, verso un fratello o una sorella, verso altre figure adulte, indirizzate verso se stessi
    • Difficoltà a mantenere l’attenzione segnalata talvolta dalla scuola, e riscontrata in qualsiasi contesto, insieme ad agitazione motoria continua
    • Problemi connessi al linguaggio:ritardo nell’acquisizione della parola, tendenza a parlare come bambini di età inferiore alla propria
    • Problemi di apprendimento ritardo nell’apprendimento della lettura o della scrittura, difficoltà rispetto alla logica, ritardo nell’apprendimento della matematica
    • Problematiche relazionali: timidezza spiccata, stati di isolamento
    • Situazioni di vita: Gelosie conseguenti alla nascita di un fratellino o una sorellina, situazioni di separazione della coppia genitoriale, malattia grave o morte di un genitore.

    Insieme ai genitori, dopo un approfondita valutazione della problematiche esposta, si concorderà la necessità di un approfondimento con il bambino, piuttosto che impostare un supporto alla genitorialità .

Photostream