Si chiama disturbo post traumatico da stress l’insieme delle risposte cognitive , fisiologiche e comportamentali che si manifestano a seguito di eventi considerati traumatici.
    Tra questi ne elenchiamo solo alcuni: la morte di una persona cara, la diagnosi di malattia, eventi che hanno implicato la morte  di una persona a  noi vicina( incidenti stradali) o eventi che hanno implicato una minaccia di morte ( terremoti, aggressioni per furti o maltrattamenti agiti da un familiare ).

    Le risposte fisiologiche di ciascuno di noi sono molteplici e comprendono:

    • difficoltà di addormentamento o a mantenere il sonno
    • irritabilità o collera
    • difficoltà di concentrazione ( es non riesco più a leggere un libro dopo l’incidente; al lavoro dimentico le consegne assegnatemi )
    • ipervigilanza  ( dormo sempre con un solo orecchio )
    • risposte di allarme( es mi spavento per nulla anche del rumore di una tazzina caduta )

     

    I comportamenti comprendono strategie di evitamento di stimoli associati al trauma come ad esempio tutti gli sforzi per evitare pensieri associati all’evento traumatico o le attività , i luoghi e le persone associate a tale evento  ( dopo avere subito il furto del portafoglio non prendo più la linea della metropolitana in cui è accaduto ).. Sentimenti di distacco   ( quando ascolto racconti di traumi altrui non provo nulla….una volta mi sentivo più partecipe . Sembro disinteressato ) o la sensazione di non provare sentimenti di amore , oltre che una riduzione dei pensieri rivolti al futuro ( Da quando sono stata aggredita, spendo molti più soldi per indumenti inutili perchè penso che la mia vita sarà breve….non faccio più progetti a lungo termine ).

    Il piano cognitivo comprende:

    • ricordi spiacevoli ricorrenti
    • sogni spiacevoli ricorrenti
    • agire o sentire come se l’evento si stesse ripresentando
    • disagio intenso di fronte a situazioni che ricordano il trauma

Photostream